L’ORA

jennifer_rosa_LORA_023
LORA_038
LORA_046
LORA_060
LORA_106
LORA_127
LORA_150
LORA_156
LORA_168
LORA_175
LORA_180
LORA_182
LORA_190
LORA_207
LORA_212
LORA_225
LORA_227
LORA_253
LORA_255
LORA_260
LORA_261
LORA_266
LORA_269
LORA_279
LORA_306
jennifer_rosa_LORA_023 thumbnail
LORA_038 thumbnail
LORA_046 thumbnail
LORA_060 thumbnail
LORA_106 thumbnail
LORA_127 thumbnail
LORA_150 thumbnail
LORA_156 thumbnail
LORA_168 thumbnail
LORA_175 thumbnail
LORA_180 thumbnail
LORA_182 thumbnail
LORA_190 thumbnail
LORA_207 thumbnail
LORA_212 thumbnail
LORA_225 thumbnail
LORA_227 thumbnail
LORA_253 thumbnail
LORA_255 thumbnail
LORA_260 thumbnail
LORA_261 thumbnail
LORA_266 thumbnail
LORA_269 thumbnail
LORA_279 thumbnail
LORA_306 thumbnail
l_ora_video thumbnail

concept e regia:  Chiara Bortoli, Francesca Raineri
performer: Anna Altobello, Alessandro Bevilacqua, Chiara Bortoli, Francesca Contrino, Marina Fornasier, Vasco Manea, Giada Meggiolaro, Martina Peretti, Francesca Raineri, Monica Zucchetti
programmatrice del dispositivo elettronico:  Monica Zucchetti
format: performance
anno: 2013
durata:  1 ora

L’ORA è performance come pratica dell’accadere.
I performer hanno un repertorio di 17 azioni contraddistinte da parole.
La struttura della performance è basata sul caso ed è affidata ad un dispositivo elettronico. Mediante un’estrazione a sorte, ogni volta diversa, il dispositivo effettua delle scelte in tempo reale.
Sceglie l’ordine di esecuzione delle azioni da parte dei performer, la durata di ogni azione – da un minimo di 10 secondi ad un massimo di 4 minuti – la durata dell’intervallo tra un’azione e l’altra.
Di conseguenza, i performer non sanno mai quale azione andranno ad eseguire nè per quanto tempo.
Nella durata totale di un’ora ogni azione può venire estratta più volte o anche non venire mai estratta.

Frammenti di azioni spiccatamente concrete scandiscono la scena tra attese e irruzioni nello spazio, perimetro e massa, vuoto e disordine, silenzio e fracasso. Quanto emerge è l’esperienza vissuta, in uno stato di allerta e di completa apertura al presente. Una pratica dell’imprevisto, dello svuotamento, dell’irrisolto, dell’improprio, accolti e sostenuti ai limiti del cedimento, per giungere ad una qualità di presenza profondamente umana: un’eccedenza, qualcosa che deborda, che esce dai parametri dello scenico e del corretto per farsi parte della vita. Fragilità esposta.

Presentato a:
  • Castelfranco Veneto – TV, Zephiro (In Touch, 2017)
  • Mestre – VE, Spazio Farma (The Living Room, 2016)
  • Cittadella – PD, In Circolo (Sullo stesso piano 2016)
  • Vicenza, Teatro Spazio Bixio (Rassegna Danse & Move 2014);
  • Schio, Fabbrica Saccardo (Ghisa Art Fusion 2013).
SHARE
Facebook Twitter Pinterest

SILICIO